Morbo di Crohn e previsioni meteo

tramonto Mi sembra di essere tornata da un viaggio lontano, o forse ancor meglio da una realtà parallela. In questi mesi ho visto giornate di neve, vi ho sentito dire ‘meno male, è tornato un po’ di sole’, io c’ero, ma non ero lì.

Era il 2011, un giorno di fine gennaio, e io annotavo questo semplice pensiero guardandomi alle spalle, dove lasciavo tre interventi chirurgici in quattro lunghi mesi di sofferenza. Il mondo ‘altro’ era tornato a essere anche il mio mondo e guardavo al futuro come chi non ha scelta: deve vincere.

Il nemico è il morbo di Crohn, questa malattia intestinale cronica che mi è stata diagnosticata all’età di 24 anni e che da allora accompagna inesorabilmente la mia vita. Una condizione che non si sceglie, ma con la quale si deve imparare a convivere. Il percorso è diverso per ogni malato, ma quello che tutti hanno in comune è l’assoluta necessità di non sentirsi soli.

Ecco perché ho deciso dopo tanti tentennamenti di aprire il mio blog, crohnica.it, un luogo dove tutti sono i benvenuti, amici di Crohn e gente di passaggio. Perché essere ‘cronici’ significa tante cose, e non per forza tutte negative.

Qui vorrei capire esattamente cosa vuol dire e a imparare a non chiamarti più nemico, signor morbo di Crohn.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *